Scendere sotto i nuovi limiti di trasmittanza per il 55%

{{{?:0}}}

A partire dal 1 gennaio 2010 sono entrati in vigore i nuovi limiti di trasmittanza termica necessari per usufruire delle detrazioni del 55%, come indicato nella tabella a fianco.

I valori sono stati abbassati sensibilmente, puntando ad un risparmio energetico che giustifichi il contributo finanziario sborsato dallo stato.

E’ però molto difficile per un serramentista rientrare nei valori limite della zona climatica F, ma in certi casi anche nella zona climatica E, senza un calcolo accurato della trasmittanza termica.

Per arrivare a un Uw di 1,6 W/m2K dovrà adottare {{{premium}}} un vetro basso emissivo con intercapedine riempita in argon, con Ug pari a 1,1 W/m2K o inferiore e con canalino distanziatore di tipo termico. Sono miglioramenti che hanno un costo e potrebbero anche non bastare.

Un aiuto importante può però venire da un calcolo più preciso della trasmittanza termica Uf del telaio. Alcuni interventi sul serramento possono infatti essere evitati se si elimina l’approssimazione introdotta dal calcolo in forma tabellare e si ricorre a un calcolo agli elementi finiti.

A parte la rilevazione diretta in laboratorio, la norma consente di ottenere la trasmittanza termica del telaio con due metodi di calcolo diversi che hanno un livello di precisione, ma anche di costo, crescente: il calcolo semplificato (o tabellare) ed il calcolo agli elementi finiti.

Il calcolo tabellare

Il metodo più semplice, ma anche il più approssimato, è quello di ricorrere ai valori tabellari riportati nella norma EN ISO 10077-1.

Il valore della trasmittanza è dato solo in base allo spessore e al tipo di legno, duro o tenero e quindi non tiene conto di geometrie e soluzioni costruttive diverse quali guarnizioni e gocciolatoi.

Il calcolo semplificato non può essere usato per certe tipologie di apertura (ad esempio gli alzanti scorrevoli) ed essendo un metodo di calcolo generico fornisce valori cautelativi, approssimati per eccesso, in genere più alti della realtà.

Il calcolo agli elementi finiti

Un metodo notevolmente più preciso del calcolo tabellare è quello agli elementi finiti, eseguito secondo la norma UNI EN ISO 10077-2.

Si tratta di eseguire una simulazione della trasmissione del calore in ogni punto della  sezione del serramento mediante un apposito software, seguendo i criteri previsti dalla norma.

La maggior precisione del calcolo consente di migliorare il valore di trasmittanza Uf di 0,3 – 0,5 W/m2K rispetto al metodo tabellare, che può essere quanto basta per rientrare nei nuovi limiti richiesti.

Fino ad oggi era però impensabile per un serramentista farsi i calcoli agli elementi finiti. Il calcolo richiedeva profonda conoscenza della normativa, competenza termotecnica e una certa laboriosità nella sistemazione dei disegni delle sezioni, nella definizione delle cavità e nella scelta e attribuzione dei parametri di calcolo.

L’informatica però fa passi avanti velocemente e oggi, grazie a Frame Simulator, qualsiasi serramentista può farsi in pochi minuti il calcolo della trasmittanza termica secondo la UNI EN ISO 10077-2, in modo semplice ed economico.

Frame Simulator, a differenza di altri software termici specialistici, è stato pensato proprio per semplificare l’applicazione delle norme ISO 10077-2 e ISO 10077-1.

Ne deriva una grande immediatezza e precisione d’uso, perché il programma, adottando in automatico tutti i parametri e i criteri di calcolo previsti dalle norme, lascia meno spazio alla possibilità di errori da parte dell’utilizzatore.

Un esempio concreto

Facciamo un esempio con una finestra in legno, ma i concetti sono validi anche per finestre in PVC, alluminio e alluminio-legno, adottando i valori appropriati.

Prendiamo una finestra a 2 ante con queste caratteristiche:

  • dimensioni: 1230 x 1480 mm
  • spessore 68 mm in legno tenero
  • certificata con un vetro basso-emissivo con Ug 1,4 W/m2K
  • canalino distanziatore (intercalare) in alluminio
  • calcoli di trasmittanza effettuati con metodo semplificato secondo la norma 10077-1, che hanno dato un valore Uw=1,81 W/m2K.

Zona F Per rientrare sotto il nuovo valore 1,6 W/m2K richiesto, il serramentista dovrà adottare un vetro con Ug=1,1 e sostituire il canalino in alluminio con uno termico.

Ma se farà i calcoli secondo la ISO 10077-2 otterrà un valore ancora più basso e potrà continuare ad utilizzare il canalino distanziatore in alluminio, risparmiando un bel po’ di soldi per finestra.

Gli basterà produrre qualche decina di finestre per ripagarsi la spesa del programma.

Come risparmiare anche sui costi di certificazione

Grazie ad una convenzione tra Dartwin e il laboratorio di prova SGM, l’impiego di Frame Simulator consentirà al serramentista di risparmiare anche sui costi per la marcatura CE.

I clienti di Dartwin che invieranno ai laboratori di Perugia e Verona i calcoli eseguiti con Frame Simulator otterranno, infatti, il 50% di sconto sui costi di certificazione della trasmittanza termica secondo la norma UNI EN 10077-2.

Per saperne di più

Ulteriori riferimenti su questo argomento possono essere trovati nel VIDEO:

“ Detrazione 55%: come rientrare nei nuovi limiti di trasmittanza termica”

, , , ,